Se le precedenti edizioni di APPORTGARDA erano state degli eventi difficilmente ripetibili per partecipazione e contenuti, penso che l'edizione 2011 svoltasi dal 9 al 12 giugno presso gli impianti del Park Golf Holtel di Peschiera del Garda abbia elevato questo evento ad un alto grado di confronto a livello internazionale.

Possiamo dire con grande soddisfazione che è uno dei corsi più importanti per preparatori dei portieri a livello europeo e mondiale. 

La qualità degli istruttori è stata ancora una volta notevole e i contenuti sempre interessanti e innovativi.

Il primo giorno si è aperto con la presentazione del Prof. Duccio Ferrari Bravo del settore giovanile della Juventus che ha spiegato come si devono pianificare le sedute di allenamento.

Nel pomeriggio Marco Bizzarri del settore giovanile del Parma e Alessandro Nista della 1^ squadra dell'Inter hanno svolto le loro lezioni sul campo, trattando rispettivamente l'argomento delle situazioni di difesa della porta e della capacità di reazione. 

Il venerdì Ricardo Peres preparatore dei portieri della Nazionale A portoghese ha spiegato prima in aula con alcuni video poi sul campo con alcune esercitazioni il modello portoghese di partecipazione al gioco del portiere.

Successivamente Maurizio Di Renzo preparatore atletico del Lecce ha tenuto una relazione sull'allenamento della forza sulla sabbia con esercitazioni specifiche dedicate al ruolo.

Nel pomeriggio prima Guidi Belli e Christian Ferrante hanno dimostrato e fatto eseguire ai presenti una seduta di core stablity, poi Gaetano Petrelli che allena i portieri all' Eupen (Serie A Belga) ha spiegato il posizionamento del portiere in fase di difesa dello spazio, mentre Paolo Bordoni dell'Angolana ha proposto un allenamento sulle uscite alte e basse. 

Il terzo giorno la giornata si è aperta con un'altra "chicca" di questa edizione. Gustavo Pinero preparatore del portieri della Nazionale A dell'Argentina ha presentato una serie di esercitazioni per il miglioramento della tecnica di calcio in forma analitica e situazionale. A seguire sempre nella mattinata Gilles Bourges preparatore dei portieri della 1^ squadra del Paris Saint German (Serie A  francese) ci ha proposto un allenamento delle capacità condizionali abbinate alla gestualità tecnica del portiere secondo i dettami della scuola francese.

Nel pomeriggio le porte si sono aperte anche agli allenatori che si erano prenotati per la giornata evento organizzata in collaborazione con la rivista IL NUOVO CALCIO.

L'obiettivo della giornata era quello di sensibilizzare gli allenatori a collaborare maggiormente con i preparatori e viceversa.

I relatori di questo evento sono stati due allenatori con esperienze in prime squadre (Angelo Pereni ex allenatore di serie A) e nel settore giovanile (Massimo De Paoli del Brescia Calcio).

Il primo mister ha presentato esercitazioni sulla fase difensiva, il secondo sulla ripartenza.

Il nostro presidente Claudio Rapacioli ha  interagito con loro spiegando e ponendo l'attenzione sulle puculiarità del ruolo del portiere. 

La domenica quarto e ultima giornata dell'evento si è aperta con la relazione in aula di Branko Zupan del settore giovanile della nazionale Slovena.

Alle 11 si è svolta la consegna del premio APPORT alla carriera a Mr. Roberto Negrisolo che è stato accompagnato da Angelo Peruzzi suo allievo ai tempi della Roma.

Successivamente Branko Zupan ha concluso la sua relazione con una dimostrazione sul campo. 

Il pomeriggio dopo la presentazione di Antonello Brambilla di alcune situazioni di palla inattiva in cui il portiere è chiamato a intervenire si è tornati sul campo per la relazione di Massimo Costa del settore giovanile del Chievo Verona che ha proposto lavori per le fasce più basse del settore giovanile.

Alle 18 dopo le consuete premiazioni e consegna degli attestati il corso si è chiuso. 

Anche quest'anno abbiamo voluto rendere attivi anche i partecipanti istituendo un concorso.

Tutti gli iscritti potevano presentare un elaborato a tema libero entro 10 giorni dall'inizio del corso. La commissione ha scelto 3 lavori che sono stati presentati durante le giornate del corso.

La selezione dei lavori non è stata un compito facile sia per il numero di elaborati pervenuti sia per l'ottima qualità di quasi tutti.

Alla fine sono stati chiamati ad esporre i propri lavori Elio Gugliotta, Stefano Prato e Angelo Papetti. Si è deciso di non stilare una classifica finale classificando 1 a pari merito tutti i 3 lavori, che saranno inseriti nel cofanetto ufficiale dei CD.

Tutti i lavori presentati saranno pubblicati sul nostro sito o sul nostro giornalino.

 Anche quest'anno il numero dei partecipanti per tutti i 4 giorni hanno superato largamente il centinaio, con la partecipazione gradita di parecchi professionisti. 

Possiamo dire senza timore di essere smentiti che anche l'edizione 2011 ha rinnovato il fascino di questi 4 giorni unici, trascorsi in un posto incantevole con la possibilità di scambiare opinioni molto formative e confrontarsi con culture dell'allenamento e del ruolo molto diverse dalle nostre. 

APPORTGARDA rimane sempre un'esperienza unica nel suo genere.